Cerca
  • Valeria Gereschi

10 curiosità sul gatto Abissino

L'Abissino è una razza domestica a pelo corto, di media grandezza. Queste esili creature, con i loro unici occhi a forma di mandorla, ricordano l'eleganza dei gatti dei Faraoni dell’Antico Egitto. I gatti abissini sono eleganti, maestosi e divertenti, ma anche molto intelligenti, amichevoli e affettuosi con i loro proprietari. Ecco 10 curiosità sul magnifico Abissino.

1. L'Abissino non è realmente originario dell’Abissinia

Contrariamente a quanto alluda il suo nome, il gatto Abissino in realtà non proviene dall'Abissinia, antico nome dell'odierna Etiopia. Il nome deriva dalla credenza popolare secondo cui i soldati britannici, che combatterono nella guerra di Abissina, tornarono in Inghilterra alla fine del 1860 con gatti acquistati da commercianti locali.

Abissino dell'Allevamento Abcats

2. Un gatto “leggendario”

Sebbene l'Abissino sia una delle razze più antiche conosciute, continua ad esserci un alone di mistero che avvolge la sua storia. Numerosi esperti fanno risalire l’origine di questa razza all’Antico Egitto, poiché a livello estetico gli abissini ricordano molto i gatti sacri raffigurati negli antichi dipinti e nelle sculture egizi: eleganti felini dal corpo muscoloso, con collo arcuato, orecchie grandi e occhi a mandorla. La dea egizia Bastet, inoltre, è raffigurata con i tratti e le caratteristiche corporee di un gatto abissino e, secondo un’antica leggenda, il faraone Ramses II fu il primo a introdurre la razza in Egitto.

3. Le origini reali

Il primo abissino conosciuto risale agli inizi del XIX secolo - tra il 1834 e il 1836 - ed è ancora conservato nel Leiden Zoological Museum, in Olanda. È stato identificato ed etichettato come un gatto di origine indiana. Ciò suggerisce che la razza, sebbene sia stata modificata in Inghilterra, potrebbe essere nata a Calcutta, in India. Oltre alla presenza di numerose prove storiche, specialmente se si considera la consistenza delle rotte marittime tra Calcutta e la Gran Bretagna, questa teoria è stata avvalorata anche da diversi studi genetici.

Cuccioli di Abissino dell'Allevamento Abcats

4. Zula, capostipite abissino

Il primo abissino a mettere zampa sul suolo europeo fu Zula. Questo gatto giunse in Inghilterra direttamente dall'Abissinia; durante la campagna d'Africa orientale, conflitto militare avvenuto in Etiopia tra il 1895 e il 1896, fu infatti trovato e salvato da un ufficiale inglese, il capitano Barrett-Lennard. Zula fu esposto alla prima mostra di gatti registrata presso il Crystal Palace, a Londra, nel 1871 e il rapporto della mostra pubblicata sulla rivista Harper's Weekly riporta che Zula suscitò grande interesse e vinse il terzo premio nella classifica generale.

5. Mantello “abissino”

A parte gli occhi a forma di mandorla, il viso appuntito e il corpo snello e atletico, un Abissino è immediatamente riconoscibile per il suo pelo corto e "ticked". Grazie a una variante genetica del modello tabby (ossia il mantello tigrato), ogni pelo dell’abissino presenta una variazione di tonalità, con sfumature più chiare alla base e diventando sempre più scuro andando verso la punta. Gli abissini nascono con il mantello scuro, che si schiarisce gradualmente dopo pochi mesi. Dal punto di vista del colore, esistono 6 differenti colorazioni; la tonalità più ampiamente riconosciuta per gli è un marrone rubicondo, tuttavia, questa razza è disponibile in fulvo, rosso e blu, colorazioni riconosciute dalla Cat Fanciers 'Association (CFA), nonché in cioccolato e lilla, colorazioni riconosciute invece dall’International Cat Association (TICA).

Abissino dell'Allevamento Abcats

6. Stelle di Hollywood

Nel 1978 la Walt Disney Productions produsse “Il gatto venuto dallo spazio”, film che vede come protagonista Jake, gatto extraterrestre la cui astronave si schianta sulla Terra a seguito di un’avaria. Ecco, il gatto che interpreta Jake è proprio un bellissimo Abissino.

7. Veri e propri atleti

Gli abissini sono gatti molto atletici, capaci di acrobazie davvero sorprendenti! Sono in grado di correre incredibilmente veloce, ma l’abilità più sorprendente dell'Abissino è la sua capacità di saltare ad altezze incredibili. La maggior parte degli abissini può saltare fino ad un metro e ottanta, una misura davvero notevole, anche per un gatto.

8. Attaccamento al loro padrone

È risaputo che molti gatti tollerano semplicemente l'affetto fisico e l'attaccamento da parte dell'uomo. È stato anche suggerito che le coccole possono costituire anche una forma stress in alcuni singoli gatti e razze. Tuttavia, gli abissini si distinguono sicuramente dalle altre razze in questo aspetto della vita. Gli abissini sono molto, molto attaccati ai loro proprietari. È stato persino descritto come "simile a un cane". Questa estrema dipendenza dal contatto con gli umani serve a rafforzare la loro lealtà. Inoltre, spesso finiscono per desiderare l'interazione umana più di ogni altra cosa.

Abissino dell'Allevamento Abcats

9. Si è quasi estinto in Inghilterra

Durante la Seconda guerra mondiale, in Inghilterra molti gatti abissini furono uccisi, liberati o semplicemente non curati. Alla fine del conflitto, sopravvissero solo dodici gatti. Si era arrivati quasi al punto di non ritorno per questa razza, ma per fortuna, partendo da questi esemplari e con l’aiuto di alcuni abissini statunitensi, si riuscì a ricostruire la razza in Inghilterra. Oggi, l’Abissino è tornato in prima linea nella sfera felina ed è tra le più popolari nel Regno Unito.

10. Non furono riconosciuti fino al 1979

Programmi di allevamento dell’Abissino esistono negli Stati Uniti da molti, molti anni. Tuttavia, nonostante questi programmi, la Cat Fanciers’ Association ha costantemente rifiutato di riconoscere ufficialmente la razza fino al 1979, quasi 80 anni dopo che il primo abissino arrivò in America. Il riconoscimento ufficiale della razza consente agli abissini di partecipare alle esposizioni feline e avere documenti di razza come il pedigree. Ora possono anche essere allevati professionalmente e venduti come gatti da competizione. Ciò ha portato a un notevole incremento del numero di persone che possiedono abissini negli Stati Uniti.


Abissino dell'Allevamento Abcats

Queste e tante altre curiosità ti aspettano al Festival dei Gatti!

Ti aspettiamo a Festival dei Gatti, il più grande evento dedicato al mondo dei gatti a 360°!
21/22 settembre 2019 a Villa Castelbarco, Vaprio d'Adda, Milano.

Al Festival dei Gatti potrai conoscere tantissime razze particolari e scoprire tutti i segreti su questi magnifici animali da compagnia. Tante aree tematiche, tutte a tema felino, conferenze, gatti di razza, gatti di strada e associazioni no-profit, gattili e artigiani che produconno fantastici gattini da collezione. Cosa aspetti? segna le date sulla tua agenda!


Visita il sito www.festivaldeigatti.com


52 visualizzazioni
Festival dei gatti
logo monge il petfood che parla chiaro_p
logo monge il petfood che parla chiaro_p
  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
© noctua srl  - p.iva 01605450335  www.noctua.it